Il comune si tinge di rosa: Spezia partecipa alla lotta contro il tumore al seno

Ottobre è il mese della prevenzione del tumore al seno, il comune della Spezia partecipa alla campagna Nastro Rosa della Lega italiana per la Lotta Contro i Tumori con l’obiettivo di sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione.

Come tradizione, LILT (Lega italiana per la Lotta contro i Tumori) lancia a ottobre la Campagna Nastro Rosa mirata a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di prevenzione e diagnosi precoce nella lotta contro il tumore al seno. Il comune spezzino ha dato la sua adesione: per l’intero mese di ottobre, la notte la facciata del municipio si illuminerà di rosa in segno di condivisione del messaggio lanciato dalla Lega italiana per la Lotta contro i Tumori.

Il comune della Spezia è in buona compagnia: anche il Colosseo si colora di rosa

Il palazzo civico spezzino non sarà l’unico monumento a tingersi di rosa per supportare la campagna di sensibilizzazione. Se in riva al Golfo l’amministrazione comunale ha scelto Palazzo Civico come simbolo accogliendo la proposta del consigliere Oscar Teja, Roma parteciperà alla XXVI edizione della campagna lanciata dalla LILT vestendo di rosa  i Fori, divenendo così simbolo della XXVIesima.

In tutta Italia saranno tanti i monumenti a illuminarsi di rosa
per ricordare l’importanza della prevenzione nella lotta al cancro al seno

Tocchi rosa anche a Torino – dove a divenire rosa sono il palazzo municipale e la cupola della cappella della Santa Sindone -, Bologna (palazzo del Podestà in piazza Maggiore) e in tantissime altre città d’Italia da Nord a Sud.

Tumore al seno: sempre più diffuso, ma mortalità in calo

Secondo i dati diffusi dalla LILT, il tumore al seno è quello che colpisce più frequentemente le donne, tanto che 1 su 8 ne viene colpita nel corso della vita. Nell’ultimo quinquennio, l’incidenza del tumore mammario ha registrato una decisa crescita (+15%) soprattutto nella fascia d’età tra i 35 e i 50 anni e nel corso del 2017 circa 52.300 donne se ne sono ammalate.

Negli ultimi 20 anni,
il tasso di sopravvivenza è cresciuto dall’81% all’87%.
Prevenzione e diagnosi precoce sono fondamentali.

Tuttavia, il tasso di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è cresciuto – nel corso degli ultimi 20 anni – dall’81% all’87%.

In questo netto miglioramento diagnosi precoce e prevenzione, con i vari protocolli di screening attivati dalla sanità nazionale, hanno avuto un ruolo fondamentale.

 

Link utili:

 

Leggi anche

Chi è

Spezzino Vero è la più importante e viva community online della Città della Spezia. Piazza virtuale e punto di aggregazione, discute, prende in giro e spiega la spezzinità verace agli spezzini e non.

16 posts

Your comment